Incantesimo in stazione

di Costanza Savini. Incantesimo in stazione” di Maurizio Corrado è una favola misteriosa che potrebbe avere per antenati “La piccola fiammiferaia” con tutta la potente aspettativa del suo ultimo desiderio, o “La lampada di Aladino”, oppure, in pittura, “L’incantatrice di serpenti” di Henri Rousseau. La ragazza invisibile, la “meraviglia” come le si rivolge l’uomo, ha il potere di ricongiungere un padre e un figlio in un finale ribaltamento di ruoli, questo almeno è quanto ci ho visto, giusto o sbagliato che sia. Il tema dominante dell’atto unico è l’amore nelle sue sfaccettature più varie (uomo - donna, genitore - figlio), a cui si unisce una evocazione del potere del femminile la cui forza è già nell’ “incarnarsi”, la cui poesia è già nel silenzio, il cui potere è nell’essere sempre, eternamente, “la madre” che attraversa i secoli (la ragazza infatti potrebbe essere madre del giovane, ma anche dell’uomo quando ha luogo la mimesi finale), e poi quel memento rivolto a tutti noi “non perdere la propria vita per non aver osato”, “j’ai perdu ma vie pour n’avoir pas osè”, questo grosso modo è quanto fa dire anche Chiara a uno dei suoi personaggi nel “Cappotto di Astracan”. Costanza Savini Scuola di Teatro diretta da Campisi - Teatro del Navile. Incantesimo in stazione con Maurizio Corrado , Flavia Moretti, Francesco Paoloemilio, testo e regia di Maurizio Corrado, BOA Italia Festival, 4 aprile 2009. (Foto Gabriele Orlandi). Photo Album

Incantesimo in stazione