L'attore creativo



A Bologna Nino Campisi lancia la sfida con un nuovo teatro di ricerca e sperimenta un nuovo modello di formazione dell’attore.

“Ogni uomo è in grado di fare tutto ciò che gli altri riescono a fare, se può uno, possono tutti. Genio, talento. Tutto ciò non ha senso. Il segreto è semplice: fare le cose da uomo.” Questa frase di Gurdjieff ci guida alla conoscenza dello spazio Teatro del Navile – Foyer d’Arte di Bologna e della Scuola di Teatro diretta da Nino Campisi con sede in via Marescalchi 2/b (angolo Via D'Azeglio 9) vicinissimo a Piazza Maggiore. Da qui, storico sotterraneo della città dall'atmosfera vissuta e a tratti underground, parte la sfida per costruire un dialogo e trasmettere emozioni e idee a tutti coloro che vivono o si trovano per caso in questa città, proponendo lavori e opere sperimentali di artisti italiani e stranieri conosciuti o sconosciuti, homeless, tanto per intenderci, alla ricerca di luoghi dove esprimersi. Il tutto accanto ad attività di laboratorio teatrale permanente e seminari di dizione e fonetica, recitazione, training fisico e improvvisazione. Uno spazio polivalente di sperimentazione nel quale convivono e comunicano tra loro formazione, arte, musica e teatro. Denso il cartellone degli appuntamenti del Teatro che da ottobre a maggio ha presentato con cadenza settimanale opere di drammaturgia e di sperimentazione con gruppi provenienti sia dall'underground italiano che da ambienti più accademici.

A guidare questo progetto è Nino Campisi, attore, regista formatore, insegnante di comunicazione e Programmazione Neurolinguistica che essenzialmente considera l'arte come la più semplice, naturale e originaria espressione dell'essere umano. Fin dal 1972, dopo l'esperienza di vita e di militanza nel circolo La Comune di Dario Fo e Franca Rame, Nino Campisi si è dedicato alla formazione teatrale. Dopo il diploma all'Accademia Antoniana d'Arte Drammatica ha lavorato prima nei gruppi teatrali di base, poi in compagnie di giro. Dal 1983 ha insegnato dizione e fonetica a Venezia, ha scritto come critico d’arte. Nel 1987 fonda la sua prima Compagnia che oggi si chiama Teatro del Navile e da cui prende il nome il teatro di sperimentazione più centrale e ambito di Bologna.

Nella Scuola di Teatro diretta da Nino Campisi viene insegnato un innovativo metodo di formazione dell’attore basato sul cambiamento e sull’evoluzione personale e vengono impartite tecniche ancora sconosciute nel panorama formativo del teatro italiano. Tradizione, avanguardia e sperimentazione si coniugano nel Nuovo Modello di Formazione dell'attore (così viene definito il metodo di Nino Campisi) che è direttamente ispirato ai modelli formativi della Programmazione Neurolinguistica di Richard Bandler e John Grinder e dell'ipnosi moderna di Milton Erickson. Il risultato è il potenziamento del sistema di Stanislavskij e del metodo Cechov con nuovi modelli di formazione che permettono all'aspirante attore una nuova direzionalità, mezzi tecnici e sperimentali metodi di lavoro.

L'attore è cosi in grado dl. interpretare il personaggio e personificare la parte con il massimo di rendimento e soprattutto con un personale apporto creativo. La tecnica più importante di questo nuovo modello è il processo di trance-azione al personaggio' che induce a livelli sempre più profondi di attenzione e di concentrazione.

A marzo di quest'anno gli allievi-attori hanno messo in scena con successo 'Il Compleanno' di Harold Pinter e hanno ricevuto il diploma di recitazione dalle mani di un testimonial d'eccezione, Lucio Dalla, che segue e sostiene con entusiasmo questa esperienza formativa. Mentre gli allievi del primo anno e del secondo anno si cimenteranno dal 15 al 29 giugno nella messinscena di opere di Pinter, Cechov, Pirandello, Williams, Ayckbourn, Valentin. E la sfida e il confronto continuano. Con le nuove produzioni del laboratorio 'Il Teatro della Memoria' e con l'omonima rassegna che aprirà in ottobre la prossima stagione del Teatro del Navile - Foyer d'Arte nell'ambito di Bologna 2000, capitale della cultura europea."

Manuela Foschi, Metropoli Emilia, giugno 1999

#recensioni #perunteatrodiformazione #archiviostorico #1999

Image: Sachiko Yanamoto in "Yabu no naka" di Akutagawa Riunosuke

Una regia di Nino Campisi 

Una produzione Teatro Del Navile - Scuola di Teatro Nino Campisi